mercoledì 19 marzo 2014

Serial

Siccome so che non vivevate più in attesa della prossima puntata, vi racconto come sta continuando la saga dei nostri problemi domestici di navigazione in Internet.

Dunque, eravamo rimasti al tentativo di reset del modem che non aveva sortito effetti, se non che il mattino dopo senza cause apparenti la connessione era bel bella tornata.
L'idillio è durato due giorni; dopo di che l'amore mio, rientrato a casa per la meritata e agognata pausa pranzo, ha scoperto che Internet era di nuovo kaputt. Allora, come nelle migliori tradizioni informatiche, ha provato a spegnere e riaccendere il modem. Solo che il modem non si è riacceso.

Mesto e desolato, mi ha telefonato per comunicarmi il decesso ed entrambi ci siamo rassegnati ad almeno un paio di giorni isolati dal mondo, visto che entrambi lavoriamo e quindi non avremmo avuto il tempo per prendere informazioni, esaminare eventuali offerte e quindi andare a comprare il modem dei nostri sogni prima del weekend.

(Per inciso: la richiesta d'aiuto da me prontamente lanciata via Twitter e Facebook non ha avuto uno straccio di risposta. Vergognatevi tutti indistintamente, almeno un "ti siamo vicini nella sventura" potevate lanciarlo, e vabbé che senza Internet non avrei potuto leggerlo.)

A dire il vero, io mi sono velocemente rassegnata all'evenienza e non nascondo che tanto autocontrollo mi ha stupito perché di solito la mia reazione è molto meno razionale. Semplicemente, mi dà fastidio che le cose si rompano o - peggio - che non funzionino come è previsto che facciano. Ma in questo periodo, sarà l'incipiente primavera, non sono al massimo della forma e quindi non mi dispiaceva del tutto l'idea di passare un paio di giorni a leggere un libro, o a guardare Real Time TV (quel canale è la mia droga; in un'altra vita dovevo essere un architetto d'interni) o a fare l'uncinetto.

Difatti, quando quella sera è rientrato a casa, l'amore mio mi ha ritrovato sul divano a fare l'uncinetto. Mi ha lanciato uno sguardo, ha girato sui tacchi e ha reinfilato la porta, annunciando "Vado a comprare il modem nuovo".

Ora, probabilmente un'altra moglie si sarebbe offesa per il fatto che il marito evidentemente non è in grado di tollerare la prospettiva di una serata con lei invece che con Candy Crush; non io, perché io sono una moglie comprensiva tollerante e praticamente perfetta. E appena il modem è arrivato ed è stato configurato mi sono attaccata a Internet pure io. 

(La sera ognuno di noi si dedica al suo computer. Ogni tanto però ci lanciamo dei richiami, come le oche selvatiche, per assicurarci reciprocamente che siamo ancora lì. Poi, quando uno non risponde, l'altro lo sveglia e ce ne andiamo a letto. E' un matrimonio perfettamente funzionale!)

4 commenti:

  1. "Come le oche selvatiche" mi ha fatta morire!

    Anche io, quando le cose non funzionano senza apparente motivo, ho delle pessime reazioni (e spesso un po' me ne vergogno, perchè a volte mi rendo conto di esagerare per delle stupidate) e non credo che avrei avuto il tuo autocontrollo in quella situazione: appena uscita dall'ufficio sarei corsa a comprare il modem nuovo, come tuo marito :P

    PS: Io su twitter mi ero completamente persa il tuo "allarme", sorry :( anche se in ogni caso, purtroppo, non avrei saputo come aiutarti. Ma adesso ha ripreso tutto a funzionare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non tollero atteggiamenti illogici dalle persone, figuriamoci dai computer. Se seguo alla lettera le istruzioni di configurazione, l'aggeggio deve funzionare. Se no, lo rompo.

      E per il momento, facendo i debiti scongiuri e offerte propiziatorie a Murphy, il modem nuovo funziona. Ma io sto seriamente pensando di investire un po' di soldini in un gruppo di continuità, perché casa nostra è purtroppo spesso soggetta a sbalzi di corrente. I neon in cucina muoiono come mosche.

      Elimina
    2. Se davvero ne capitano così tanti, mi sa che davvero vi conviene :o

      Elimina
  2. Ne ho parlato con un amico, ingegnere elettronico, che educatamente ha evitato di ridermi in faccia e poi mi ha spiegato che no, il gruppo di continuità non si può attaccare al contatore generale "per proteggere tutto l'impianto" come mi proponevo di fare io :/

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!