mercoledì 30 settembre 2009

Com'è umano lei, NdR

"Il presidente Fini ha diritto alle sue opinioni su qualsiasi argomento" [basta che se le tenga per sè, NdR]. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenendo in diretta a Sky Tg24 Mattina [alè, ci siamo giocati un altro TG, NdR]. "Dentro un grande partito - prosegue - le differenze rappresentano una grande ricchezza" [è proprio fissato con le dimensioni, NdR]. Il premier aggiunge inoltre che "nel nostro partito c'è sempre stata libertà di coscienza sui temi che riguardano l'etica e la morale" [come diceva Corrado Guzzanti, facciamo un po' come c***o ci pare, NdR].
(fonte: Repubblica.it)

martedì 29 settembre 2009

Giraffe

Internet è piena di idee folli, e questa è così strampalata che non potevo non partecipare!


lunedì 28 settembre 2009

Dialoghi socratici

L'amore mio: "Comunque fanno bene a mettere sotto inchiesta Santoro, una trasmissione come quella di giovedì scorso non è civile."
Io: "E Bruno Vespa allora?"
Lui: "Ma Bruno Vespa non attacca così le persone."
Io: "E' proprio questo il problema! Vi siete abituati ai giornalisti che non fanno domande."
Lui: "Ma non è giusto attaccare la gente su questioni personali..."
Io: "Ah, perchè farsi una put***a e in cambio candidarla a un Consiglio comunale è un fatto personale? Non saranno anche fatti dei cittadini?
Lui: "Vabbeh, ma fare 20 puntate su questa cosa..."
Io: "Veramente quella di giovedì scorso è stata la prima puntata di Annozero..."
Lui: "... Ma ne stanno parlando da questa estate..."
Io: "... Veramente quando il caso D'Addario è scoppiato Annozero aveva già chiuso..."
Lui: "Comunque a me la trasmissione non è piaciuta."
Io: "Allora cambia canale; a me è piaciuta, perché mi devi impedire di vederla?"
Lui: "Ma infatti io non voglio che la chiudano."
Io: "No, tu vuoi stabilire cosa devono dire e come devono dirlo; e non è censura questa?"
Lui: "Ma sono loro che esagerano: possibile che debbano sempre attaccare Berlusconi? Possibile che non abbia fatto mai niente di buono, neanche una cosa?"

Qui è iniziata una lite furibonda. Per fortuna poi facciamo sempre pace.

Marco on air / 67

passaparola

domenica 27 settembre 2009

In gita

Oggi siamo andati per castelli, a Melfi e Lagopesole.

Il castello di Melfi ospita il Museo archeologico nazionale del Melfese (ovviamente), pieno di cose splendide: io sono rimasta colpita soprattutto dalle decine di corredi di sepolture principesche.

C’era anche una mia vecchia conoscenza, l’askos Catarinella. Ho fatto un po’ di foto “vietate” perché era troppo bello.

askos Catarinella

Lo so, sembra decorato dal figlio seienne del ceramista, ma in realtà è un oggetto unico e importantissimo per gli scienziati, per via delle sue decorazioni figurate che rappresentano un funerale:

askos dettaglio

Questi pupazzetti sono le donne che partecipano al corteo funebre, con le mani alzate e i capelli tagliati in segno di lutto.

Fantastico, vero?

venerdì 25 settembre 2009

Sappiate che possiamo vincere


Sappiate che ufficialmente questo è dovuto alla messa on line di una parte dell'intervista di Letterman a Obama.
Sappiate che mentre scrivo questo post (25 settembre 2009 ore 16.50) su YouTube ci sono ancora almeno 287 video dell'intervista di Letterman a Obama.

Sappiate che sono stati rimossi anche tutti i video di Passaparola di Marco Travaglio.
Sappiate che pertanto i video sono scomparsi anche da questo blog; ma io non editerò i post, per lasciare traccia di questa censura.

Sappiate che lo staff di Grillo pubblicherà di nuovo tutti i video su un'altra piattaforma, e io a mia volta pubblicherò tutti i link. E cercherò un modo per protestare con YouTube (ho già scritto a David Letterman).

Sappiate anche che è una vergogna. Se potete, andate a Roma il 3 ottobre a manifestare per la libertà di informazione. Anche il web è a rischio. Sappiatelo.

Update: i video sono ancora visibili su YouTube.de. Chi può, li scarichi e li diffonda ovunque!

Update 2: un'ora dopo il mio post, l'account YouTube di Beppe Grillo è tornato in linea. Vittoria!

giovedì 24 settembre 2009

Recidiva

Pur con tutti i miei innumerevoli pregi e virtù, ho un punto debole: sono un po' ingenua.
L'amore mio me lo rimprovera spesso, dicendomi che devo essere più furba.

- Perché vedi, amore, tu non puoi credere sempre a tutto quello che ti dicono: se il primo che passa ti fa "Guarda, l'uomo volante!"...

- Dove, dove?

Ossimori

D'accordo, sono la prima a riconoscerlo: il lavoro mi sta mandando un po' in fissa. Da casa controllo la posta d'ufficio, correggo i refusi in tutto quello che leggo, e sono ipercritica (OK... più del solito).

Però, dai, davvero, come si fa a scrivere in un articolo (e pubblicarlo su una delle testate on line più seguite in Italia) "la scossa è stata seguita da un LIEVE BOATO"?

Motivi di speranza

Oggi me ne andavo per i fatti miei... quando sento una voce dietro di me: "Leggi, leggi: 'La bella notizia....' "

Ehi, un momento: queste parole le conosco; è l'articolo di Padellaro! Da ieri sera, quando ho scaricato il PDF, ho letto e riletto "Il Fatto" tante di quelle volte che potrei quasi recitarlo a memoria.



Mi giro... E infatti, ecco due signori che bel belli passeggiano e si leggono ciascuno la sua brava copia del quotidiano, in pieno centro di Bari.

Stavo per scattare una foto con il telefonino. Che soddisfazione!

mercoledì 23 settembre 2009

Ufficio d'angolo

Finalmente, dopo settimane di diatribe ed elucubrazioni (per fortuna non mie), è stato partorito il nuovo schema logistico-strategico della sistemazione dell'ufficio.

Il fatto è questo: a giugno alcuni dirigenti sono andati in pensione, altri sono stati promossi ed hanno quindi reclamato una stanza "dirigenziale".
Non vi pare una grande sciocchezza? A me sì. Comunque i capi hanno preso la cosa molto sul serio, e in effetti in certi casi una riorganizzazione era necessaria (c'erano zone dell'ufficio semivuote e altre con i colleghi praticamente "soppalcati").

Il nostro settore, che ha una dirigente molto tranquilla (il che di solito è un'ottima cosa, ma in questo caso ci ha giocato a sfavore), sulla carta ha cambiato disposizione almeno tre volte. Io, che potendo scegliere avrei gradito rimanere bel bella in beata solitudine nella mia stanzetta, sarò spostata - del tutto inutilmente - insieme a una collega.
Simpatica, per fortuna. E mi fa piacere avere qualcuno con cui scambiare quattro chiacchiere ogni tanto.

La dirigente, comunicandomi la cosa, era tutta mortificata. Ma io, davvero, non ci tengo più di tanto ad avere la stanza per me sola. Di certi presunti status-symbol non so che farmene.
Mi viene invece il dubbio che la stanza singola mi sia stata tolta per rassicurare altri sul loro status-symbol.

Amici sconosciuti

Immagino che la cosa di solito funzioni così: tu girelli per il web, più o meno senza costrutto; ti imbatti in un blog che ti pare simpatico, e cominci a seguirlo. E impari a conoscere il blogger, pian piano, finchè non lo senti amico.

Beh,una volta mi è capitato di assistere a una conferenza, e la relatrice - bella signora, vestita con ricercatezza, competente e spigliata - ha citato il suo blog. Presa da curiosità per questa donna così sicura di sè e delle sue opinioni, io che invece ho sempre paura di dire sciocchezze (la chiamo "sindrome dell'interrogazione che va male") me lo sono andato a leggere, 'sto blog.

Scoprendo una persona sola, affamata di affetto, scontenta del suo lavoro e della sua vita segnata da episodi tragici. Chi l'avrebbe mai detto.
Non l'ho mai contattata, nè ho lasciato commenti. Ora è da agosto che non posta più sul blog. Sono preoccupata.

martedì 22 settembre 2009

Minoranze


(by Massimo Bucchi 2009)

O tempi, o costumi

Piove che Dio la manda.

E il TG mostra il Presidente Obama al David Letterman Show.
Immagino Berlusconi a Satyricon. Eeeeh, come no.

Obama dice che tutti gli elettori, democratici e repubblicani, chiedono ai politici buon senso, integrità e onestà.
Lo dice e sembra che ci creda. Quantomeno è un buon attore. Ha pure una bella voce.
Immagino Berlusconi... lasciamo perdere.

Sono depressa.

lunedì 21 settembre 2009

Contrordine

Oggi giornata campale, cosa che sta diventando un po' la routine. E lo dico con qualche ansia.
La cosa che mi uccide sono i contrordini: anche quelli di routine. Il fatto è che, per forma mentis, sono abituata a reagire velocemente. Il capo mi chiede una cosa e tac! la faccio. Il capo mi chiede varie cose? Stabilisco le priorità e tac! le faccio.
E poi arriva il contrordine.

Sto imparando a non farmi spaventare dalla montagna di scartoffie che mi arriva sulla scrivania, a restare calma, a fare tutto con ordine e metodo. Poirot sarebbe fiero di me (se non vedesse il caos sulla mia scrivania).
Devo imparare a ritardare il tac!, a tenere un po' in caldo le varie faccende. Non tanto: mezz'ora, un'ora al massimo, aspettando il contrordine. Tanto arriva, e io mi evito di dover fare le cose due volte.

Marco on air / 66

passaparola

venerdì 18 settembre 2009

Misteri meccanici

Oddio, magari sono misteri solo per me, che di meccanica non capisco una cippa e quando mi chiedono "tu che automobile hai?" rispondo "una rossa".
(E intendo proprio il colore, eh? Dubito che potrò mai permettermi una Rossa.)

Fatto sta che ieri pomeriggio, quando sono andata a trovare mia zia, la rossa è partita senza problemi. Ma quando, dopo mezz'ora, ho tentato di riaccenderla, il risultato è stato ZGRRR - ZGRRR - ZGRRRR.

Le luci si accendevano. La radio si accendeva (a volume bassissimo, però). Il motore era morto.

Quel santo dell'amore mio è venuto a prendermi, ha fatto ripartire l'auto a spinta, ha riaccompagnato me e l'auto a casa.
Ho spento il motore. Ho provato a riaccenderlo. E' partito subito e cantava come una Rossa.
Stamattina ci ho riprovato. Motore acceso al primo tentativo.

Oggi pomeriggio devo assolutamente andare in banca. E già lo so: l'auto partirà tranquillamente, e mi lascerà appiedata in banca.
Tanto, a quel punto, i soldi per il carro-attrezzi ce li avrò, giusto?

giovedì 17 settembre 2009

Tempismo

Come mi capita di rado, ho acceso il PC con in testa già un'idea chiarissima del post da scrivere, e del titolo da dargli: "Ormai è guerra".

Non mi sembra più il caso, adesso.

mercoledì 16 settembre 2009

Prevenire le mosse dell'avversario

Caro abbonato,
in caso RAI non renda visibile la partita Inter-Barcellona di questa sera agli abbonati SKY, ti segnaliamo che SKY ha deciso di offrirtela su SKYSport 1, canale 201, per l'occasione disponibile a tutti.
SKY ti augura una buona visione.
(messaggio giunto via decoder a tutti gli abbonati SKY; in effetti Rai 1 risultava oscurata)

Futuro parallelo (?)

martedì 15 settembre 2009

Attenti all'agenzia di stampa...

Scorrendo la homepage di Repubblica.it mi cade l'occhio su un articolo, dedicato al Jane Austen Festival che si organizza a Bari. Ohibò: possibile che la mia città sia tanto acculturata da dedicare un festival a una delle mie scrittrici preferite? Ah no... Il Festival si terrà a BATH. Mi pareva.

Intanto però leggo l'articolo, che descrive il clima di revival fatto di "lunghe e complicate conversazioni, uomini introspettivi, villani, eroine colte e intelligenti, antichi manieri, carrozze e feste da ballo."
Uhm. OK per tutto, ma persone poco cortesi, al punto da poter essere definite villane, nei libri della Austen non me le ricordo.
Mi sa che l'articolista ha tradotto troppo di fretta l'agenzia di stampa originale, ovviamente in inglese, dove "villains" sta altrettanto ovviamente per "malvagi, cattivi di turno" (vedi illustrazione a lato).

Mai fidarsi dei traduttori automatici on line. Decisamente devo procurarmi un'abilitazione come giornalista.

lunedì 14 settembre 2009

Marco on air / 65

passaparola

Domande retoriche

Secondo me in tutta questa vicenda il vero interrogativo è: avrà capito, Floris, sulla sua pelle, che più ti fai servo più ti tratteranno da schiavo, e se ti inginocchi compiacente davanti al potente di turno non ti garantisci la poltrona, ma gli rendi solo più facile passare sopra di te per fare i suoi porci comodi?

Avvio lento

Sono rientrata in ufficio già da un paio di settimane, ma è oggi che il mondo si è rimesso davvero in moto. Le scuole hanno riaperto, il traffico è aumentato e l'estate sembra definitivamente finita; guardo con angoscia il mio cassetto delle calze, che presto dovrò riaprire, e mi domando quanti collant dovrò comprare e quanti riuscirò a smagliarne al primo colpo.

Ieri poi si è rasentato l'assurdo: alle 12 ero al mare in costume da bagno, alle 20 mi ero messa scarpe chiuse, maglione di cotone, impermeabile e facevo pari e dispari per decidere se tirar fuori l'ombrello o no. Avete presente quei cartoni animati in cui giorno e notte si alternano a scatto?

mercoledì 9 settembre 2009

Gli spot di Annozero che la RAI non trasmette (!)



Nove-nove-zeronove

Mi sento strana in questa data strana. Sarà che la settimana è iniziata a rotta di collo, e prosegue a ritmo accelerato come nelle comiche d'antan. Sarà che non c'è più il gran caldo di agosto, e la mattina presto un buon golfino fa comodo. Sarà che le cose si accavallano e si complicano quanto più cerco di semplificarle.

O sarà soltanto un incipiente mal di testa.

venerdì 4 settembre 2009

Salute

Tutta la mia solidarietà a familiari e amici del signore deceduto a Napoli: ma vi pare che per un'influenza (diffusissima quanto volete e da non prendere sottogamba, come qualunque altra influenza) si debba scatenare questa mobilitazione degna di un'emergenza nucleare? Scuole chiuse e milioni di vaccini da inoculare, con altrettanti milioni di spesa. Pubblica, ossia nostra; perchè dire "i vaccini li paga lo Stato" certo non vuol dire che il Berlusca tira fuori il libretto degli assegni.

Del tutto incidentale, ovviamente, il fatto che l'attuale Ministro della Sanità sia il marito del dg di Farmindustria...

martedì 1 settembre 2009

Di ritorno

Bene, miei cari amici e lettori, eccomi di ritorno. Devo dire che questo magheggio della programmazione dei post mi è piaciuto assai: ho caricato un tot di articoli prima di partire per le vacanze (meritate, meritatissime!) e così il blog non è rimasto solo e desolatamente fermo ai primi di agosto.

Ora siamo tornati in pista e i post saranno "freschi di giornata", se così si può dire. Ammetto che l'attualità non mi invoglia molto alla scrittura: stanno succedendo un sacco di nefandezze che mi spingono a scappare lontano, lontano... Ultima questa faccenda ridicola di Feltri e Boffo, che mi sembra un evidente trucco per sviare l'attenzione dalle nefandezze "serie".
Interpretazione dietrologica: secondo me si sono messi d'accordo; Feltri pubblica un documento palesemente contraffatto, Boffo replica e fa il suo trionfo virtuoso, le vendite di Avvenire aumentano e gli scandali di Berlusconi passano sotto silenzio.

Eppure, non so voi, ho la sensazione che stia per arrivare qualche cosa di grosso.
Beh no, non intendevo questo...
(Ehi, sono appena tornata dalle vacanze; per battute migliori dovrete aspettare che mi riscaldi un po'.)