martedì 22 maggio 2012

Post-elezioni

Sorvolando sull'esilarante calembour che dà il titolo a questo post (appunto. Non vogliatemene, l'antistaminico ha strani effetti collaterali) ecco, come ormai da tradizione, le mie considerazioni sui risultati delle elezioni amministrative.

1) La Lega si ritira con la coda tra le gambe, il PdL non pervenuto segue le sorti che furono del "Terzo Polo" al primo turno. Ma non è ancora possibile tirare un sospiro di sollievo, perché entrambi torneranno a riproporsi, come la peperonata di sera. Alfano già annuncia la loro "nuova offerta", che manco una televendita di materassi. Quali idioti possono votare un partito-patacca così plateale? Beh, a naso, gli stessi che andavano dietro a Vanna Marchi.
(Del resto, i leghisti hanno votato per anni un cafone ignorante con lo slogan "Io ce l'ho duro")

2) Sono fiera di poter dire che non ho mai votato PD in vita mia. Bersani, con i suoi proclami di vittoria, è patetico. "Non è vero che i 5Stelle ci battono sempre, a Budrio [credo] abbiamo vinto noi". E andiamo! Secondo voi, non avrebbe fatto miglior figura se avesse detto qualcosa tipo "Ci congratuliamo con il nuovo sindaco di Parma che ci ha sconfitto in una competizione onesta; siamo sempre felici quando i cittadini mostrano voglia di partecipare attivamente alla politica, e ci impegniamo a contribuire fattivamente, anche in maniera critica ma sempre propositiva, all'amministrazione cittadina perché abbiamo a cuore l'interesse degli italiani e vogliamo una classe politica trasparente e progressista"? Il suo livore contro i grillini (e attenzione, io sono piuttosto diffidente sui grillini) dimostra che PD e PdL sono tutti la stessa roba.

3) Vedremo alla prova dei fatti come si comportano i 5Stelle. Se falliscono anche loro, non ci resta che sperare in un'invasione da parte della Svizzera.

4) Il TG1 ha dedicato più spazio al sindaco (di centrodestra) di Frosinone che alla vittoria in rimonta dei grillini a Parma. Ora, è ovvio che giornalisticamente parlando Parma era notizia più ghiotta di Frosinone. Ciò dimostra che il TG1 non è un telegiornale.

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!