martedì 15 ottobre 2013

Aspetto una riscontro con insofferenza

Non so che tempo faccia da voi. Qua sono giorni che il cielo è grigio, a tratti piove pure, ma fa caldo. Non abbastanza da girare in maniche corte, almeno per me che sono freddolosa ed esco di casa molto presto al mattino, ma abbastanza da sudare, almeno per me che dopo essermi vestita in modo adatto al fresco del mattino poi salgo su treni sovraffollati e inspiegabilmente privi di aria condizionata.

Difatti ero incerta se intitolare questo post "Non ci sono più le mezze stagioni di una volta" o "La vita di un pendolare è piena di soddisfazioni"; nel dubbio, ho optato per una delle frasi per me più esilaranti delle mail di spam che ci arrivano in ufficio. Sto pensando di scrivere le migliori da qualche parte, perché sono troppo belle per mandarle perse.

(Due aggiornamenti al giorno, tutti i giorni lavorativi che lo Spaghetto ci manda, con il computer bloccato per intere mezz'ore, e continua ad arrivarci spam. Il mondo è privo di logica.)

A proposito di nonsense: avete notato che la TV gronda di talk show politici? Seriamente, c'è n'è almeno uno ogni sera. Peggio delle partite di calcio, ed è tutto dire considerando che siamo in Italia. E il bello - si fa per dire - è che parlano del nulla. Ho concepito la teoria che ci hanno desensibilizzato apposta con anni di tronisti e grandi fratelli, per poi farci inghiottire il vuoto cosmico dei talk show senza colpo ferire. Io mi armo di portatile e cuffiette e mi dedico ai serial TV, che se non altro hanno una trama coerente, una regia e attori degni di tale nome.

(Guardo solo serial TV stranieri, ça va sans dire)

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!