mercoledì 18 aprile 2012

... e ti ramazzo la stanza

A parte il fatto che Renzo Bossi, dopo essersi doverosamente dimesso per aver rubato soldi pubblici (nonostante uno stipendione pagato sempre con i soldi pubblici), si becchi pure una buonuscita di 40.000 euro; a parte il fatto che Alfano, Bersani e Casini, senza vergogna, definiscano "un disastro" la possibilità di eliminare il rimborso delle spese elettorali; a parte il fatto che Report (tu quoque) abbia proposto di introdurre una tassa su depositi e prelievi in banca, ossia uno risparmia, mette i soldi in banca e per recuperarli (i SUOI soldi, eh? mica roba rubata) debba pure pagarci su; a parte il fatto che, in piena crisi economica e con gente che ogni giorno si suicida per disperazione, TG e giornali non trovino di meglio da fare che ore e ore di sciacallaggio su un poveretto che è morto durante una partita di calcio; ecco, a parte tutto questo e altro ancora, una delle cose che più mi sconforta (o mi fa incazzare, dipende dal mood del momento) è il fatto che, sempre con i soldi pubblici, i partiti paghino fior di consulenti per infilare nelle nuove leggi, a trabocchetto, emendamenti per aumentare gli stipendi ai politici / bloccare le intercettazioni / ridurre i termini di prescrizione dei reati / eliminare direttamente i reati dal Codice Penale / censurare il web / e via andando.

Cioè, in pratica, siamo noi che paghiamo per farcela mettere inderghiul.

2 commenti:

  1. Vivaddio! Finalmente un post incazzato; bentornata

    RispondiElimina
  2. :D Mai andata via, a dire il vero, ma ho preso l'abitudine di fare comizi la mattina a colazione, davanti a SkyTg24; così mi sfogo senza tediare ulteriormente i miei incolpevoli lettori...

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!