martedì 25 giugno 2013

Non so voi, ma io noto una qual certa contraddizione

Di tutta questa faccenda della condanna del Berlusca, che poi è una condanna in primo grado e quindi c'è tutto il tempo di ribaltarla in appello e/o di farla finire in prescrizione e/o di indultarla e/o di depenalizzare il reato, grazie al governo "di pacificazione nazionale" ( = inciucio, a meno che "pacificazione" non si riferisca ai toni da coma farmacologico con cui i quotidiani c.d. di sinistra stanno scrivendo dalla nascita del governo Letta in qua), di tutta questa faccenda, dicevo, la cosa che mi pare più squallida e che comunque mi fa più schifo è che i berluscones se ne vanno in giro a dire che si tratta "di un reato senza vittima".

Questo perché Ruby era consenziente.

Ma porca puttana (appunto), anche a voler lasciar perdere ogni altra considerazione del caso (te la fai con squadroni di puttane, te le porti nelle residenze ufficiali del Presidente del Consiglio, spacci balle alla polizia per toglierle dai guai, le fai eleggere e quindi le paghi con i soldi nostri, ci fai ridere dietro da tutto il mondo civile), ci sarebbe il piccolo particolare che la suddetta consenziente era pure MINORENNE.

E ci sarebbero anche un paio di piccolezze chiamate "etica" e "morale", ma immagino siano concetti decisamente troppo difficili per il Gasparri o la Santanché di turno. Gli stessi che fanno i Family Day e si oppongono all'adozione da parte delle coppie omosessuali perché "bisogna proteggere in primo luogo gli interessi dei bambini".

4 commenti:

  1. Ormai la questione è conclamata.

    I difensori di Berlusconi si dividono in due categorie: quelli che guadagnano grazie a Berlusconi (ovvero esseri inutili che senza di lui sarebbero a pulire i cessi, se trovano qualcuno abbastanza disperato da farglieli pulire) e quelli che invidiano Berlusconi e distortamente sperano che "se fa porcate lui, per proteggere se stesso, fa leggi che potrebbero aiutare noi" - leggasi evasori, mignottari, ecc ecc...

    esiste poi un gruppo non piccolo di persone che invece, pur di NON votare la "sinistra" (qualsiasi sia il programma di tale sinistra, che di comunista od anche socialista non ha molto), vota la qualunque, sia anche rappresentata da un puttaniere / evasore / corruttore / diavolo in persona o sue dirette emissioni. MA che si definisce "morale" perchè tanto poi si confessa.

    quindi la domanda è: è sbagliata la proposta politica oppure è l'italia che richiede ai propri politici di essere dei populisti?

    perchè, parliamoci chiaro... seguiamo sirene.
    che siano "non etiche" come Berlusconi o "apparentemente etiche" come Grillo (su cui poi ci sarebbe altro da dire) oppure il più populista dei PD, Renzi, che, putacaso, sarebbe anche il più votato - a detta dei sondaggi.

    ora. sono i politici fatti sbagliati o rappresentano realisticamente lo stato di abbandono culturale che il paese sta vivendo da un quarto di secolo?

    Seamus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in questi giorni mi sto domandando: ma la Santanché, prima, cosa faceva?
      Prima di fare facili battute, toccherà informarsi.

      Su quello che dici, potremmo discutere a lungo. Personalmente credo che siamo un popolo di moralisti, che è ben diverso dall'essere persone morali... Abbiamo un sacco di sporco in casa, ma lo nascondiamo sotto il tappeto. Andiamo a puttane ma difendiamo la sacralità dei matrimoni; picchiamo i bambini ma ci proclamiamo patroni dell'infanzia; siamo gay in the closet e ci battiamo contro i diritti degli omosessuali; e via andando.

      Poi se siamo moralisti perché teniamo il Vaticano in casa, o teniamo il Vaticano in casa perché siamo moralisti... Ah, saperlo.

      Elimina
    2. La Santanchè ha fatto prima la mantenuta di papà (titolare Unione Corrieri Cuneesi), poi del primo marito [Chirurgo] (quello di cui ha tenuto il cognome), quindi del secondo marito [Imprenditore farmaceutico], quindi di Bisignani.

      Dal 1995 ha iniziato a differenziare ed a farsi mantenere ANCHE dalla politica iniziando come portaborse di La Russa.

      quindi PRIMA di fare la mantenuta dalla politica ha fatto la mantenuta dai mariti / compagni (o, meglio, camerati)

      -------------

      Sul moralismo. io odio i moralisti. odio i perbenisti.
      odio, insomma, tutti quelli che oltre a predicare bene e razzolare male credono che uno stato si basi sulla NEGAZIONE dei diritti degli altri senza che questi diritti impattino in alcun modo sulle loro esistenze.

      insomma. se vuoi avere il diritto di cacarmi sullo zerbino di casa, è ragionevole che io combatta contro la concessione di tale diritto.
      ma se io voglio il diritto di farmi i cazzi miei a casa mia e tu me lo vuoi togliere questa NON è morale ma solo un'intollerabile invasione delle MIE libertà che non eleva di un millimetro le tue.

      e questo, onestamente, non lo digerisco.

      Seamus.

      Elimina
    3. Ah, ecco il background della Santanché. Una che si è sempre battuta per la dignità delle donne, in buona sostanza.
      Capisco perché non veda nulla di male nella vicenda Ruby.

      Hai seguito la vicenda della legge anti-aborto in Texas? [sarcasm]Inspiegabilmente[/sarcasm] la stampa italiana ha coperto la notizia con molto ritardo.

      Elimina

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!