lunedì 11 marzo 2013

Il valore di un libro

Ultimamente NewtonCompton ha pubblicato una nuova collana ("Live") in cui il prezzo di copertina dei libri (in cartaceo) è di 0,99 euro.
La lettrice accanita e vorace che è in me ha immediatamente esultato, programmando una giornata (per lo meno) di shopping compulsivo. La professionista (ahem) si è domandata come possa NC sostenere da un punto di vista economico l'offerta.

Altri editori stanno polemizzando con l'iniziativa, sostenendo che in questo modo si squalifica la cultura rafforzando nel pubblico l'idea che un libro non può costare (e quindi non vale) più di tanto (se vi interessa, una di queste discussioni è su Twitter con hashtag #menodizero).

Ora, io so - per viverci dentro - che produrre un libro, e farlo con i dovuti crismi, costa. Sono anche d'accordo sul fatto che un buon libro debba costare un prezzo congruo (ti fa passare piacevolmente il tempo, ti apre la mente, è un bene durevole nel senso che te lo puoi rileggere quante volte vuoi etc.).
D'altro canto, penso pure che un prezzo basso (o bassissimo, nella fattispecie) possa consentire l'acquisto di libri a chi soprattutto in questo periodo non può permettersi spese "voluttuarie" (per intenderci, parliamo di gente che ama leggere ma non ce la fa ad arrivare alla fine del mese, non di chi si lamenta della crisi e poi p.es. fa la fila tutta la notte all'Apple Store per avere in anteprima l'ultimo costosissimo nato), o invogliare chi non è cliente abituale delle librerie.

Voi che ne pensate?

2 commenti:

  1. Stamattina ho letto il post in cui scrivevi di una collana sperling & kupfer a un euro a volume.
    Sconvolto dalla notizia mi sono subito collegato al sito per eventuali conferme ma non ho trovato nulla.
    Decido di rileggere il post per maggiore sicurezza e, ahimè, devo purtroppo constatare che, evidentemente, dev'essersi trattato di un refuso (C R I M I N A L E) trattandosi della Newton Compton (estic...!!!) e non della sperling & kupfer. Grrrrrr.......

    RispondiElimina
  2. Mi prostro dalla mortificazione cospargendomi il capo di cenere! Non so perché, ma confondo sempre le due...

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono i benvenuti.
Grazie della partecipazione!